Tecarterapia

Tecarterapia

Introduzione - Tecarterapia

Tecarterapia

La tecarterapia è una tecnica fisioterapica d'avanguardia, il cui meccanismo d'azione induce il paziente stesso ad autoguarirsi, in quanto crea una forte stimolazione a livello cellulare, attivando i naturali meccanismi di autoriparazione dell'organismo. Questa tecnica si è sviluppata nel campo dello sport professionistico per poi ampliarsi ad altri ambiti, come quello delle disabilità, poiché elimina la sintomatologia dolorosa e porta ad un miglioramento della qualità della vita. E' controindicata nei soggetti portatori di pacemaker, nelle donne in stato di gravidanza, in presenza di gravi patologie sistemiche e in presenza di patologie oncologiche.

Patologie e disturbi  in cui si usa la tecarterapia

Lesioni traumatiche, distorsioni, tendinite, lesioni muscolari, disturbi articolari, nevriti, artrite, artrosi, osteoporosi.

In particolare la Tecarterapia può essere utilizzata per:

✔️Mal di schiena (lombalgia)

✔️Dolore al collo (cervicale)

✔️Dolore al ginocchio (lesioni al menisco, legamento crociato, legamenti collaterali, tendinite rotulea, sofferenza delle cartilagini)

✔️Dolore alla spalla (capo lungo del bicipite, cuffia dei rotatori)

✔️Dolore al gomito (epicondilite, epitrocleite)

✔️Dolore all’anca (borsite trocanterica, coxartrosi, tendiniti dell’anca)

✔️Dolori piede e caviglia (distorsioni, spina calcaneare, fascite plantare, esiti di fratture)

La tecnica della tecarterapia

Con la tecarterapia si possono raggiungere e trattare i tessuti profondi per mezzo di un trasmettitore radio a bassa frequenza il cui il segnale viene applicato ai tessuti biologici attraverso speciali elettrodi che, a loro volta, trasferiscono energia in grado di stimolare intensamente in profondità. I principali effetti del trattamento consistono nell'innalzamento della temperatura interna, nella stimolazione della microcircolazione, nell'aumento dell'ossigenazione dei tessuti sofferenti e della vasodilatazione. Si ottiene così un aumento del flusso sanguigno e linfatico e le sostanze di tessuto fibroso che bloccano gli interstizi di un organo si sciolgono, consentendo ai naturali processi di scambio intercellulari di riprendere normalmente. In pratica, i meccanismi autoriparativi dell'organismo vengono potenziati e ricevono una forte accelerazione. Inoltre, la tecarterapia agisce con efficacia sulle terminazioni nervose, bloccando così lo stimolo doloroso fin dalla prima seduta e facendone diminuire o addirittura scomparire i sintomi. Infine, ripristina il metabolismo corretto, restituendo vitalità ai tessuti. Molto spesso, costituisce una valida terapia di supporto nell'ambito di un più ampio programma riabilitativo e può essere ripetuta più volte anche nella stessa giornata.

Benefici della tecarterapia

Riduzione dei tempi di convalescenza, immediata riduzione del dolore, rafforzamento delle capacità di autoriparazione dei tessuti, immediatezza dei risultati. La Tecarterapia inoltre, per la sua versatilità, è inserita in piani terapeutici più articolati e può essere utilizzata insieme a:

✔️Rieducazione Funzionale 

✔️Rieducazione Posturale

✔️Manipolazione Fasciale

✔️Manipolazioni vertebrali 

✔️Terapia manuale

✔️Kinesiterapia

✔️Laser

✔️Ipertermia

✔️Elettroterapia

✔️Ultrasuoni

✔️Onde d’urto

✔️Magnetoterapia

La Tecarterapia può essere combinata alla mobilizzazione del fisioterapista per migliorare l’articolarita nella riabilitazione post-traumatica. Molto utilizzato è l’abbinamento con il massaggio soprattutto per i trattamenti della colonna vertebrale e nella riabilitazione in ambito sportivo.

Introduzione - Tecarterapia

Tecarterapia

La tecarterapia è una tecnica fisioterapica d'avanguardia, il cui meccanismo d'azione induce il paziente stesso ad autoguarirsi, in quanto crea una forte stimolazione a livello cellulare, attivando i naturali meccanismi di autoriparazione dell'organismo. Questa tecnica si è sviluppata nel campo dello sport professionistico per poi ampliarsi ad altri ambiti, come quello delle disabilità, poiché elimina la sintomatologia dolorosa e porta ad un miglioramento della qualità della vita. E' controindicata nei soggetti portatori di pacemaker, nelle donne in stato di gravidanza, in presenza di gravi patologie sistemiche e in presenza di patologie oncologiche.

Patologie e disturbi  in cui si usa la tecarterapia

Lesioni traumatiche, distorsioni, tendinite, lesioni muscolari, disturbi articolari, nevriti, artrite, artrosi, osteoporosi.

In particolare la Tecarterapia può essere utilizzata per:

✔️Mal di schiena (lombalgia)

✔️Dolore al collo (cervicale)

✔️Dolore al ginocchio (lesioni al menisco, legamento crociato, legamenti collaterali, tendinite rotulea, sofferenza delle cartilagini)

✔️Dolore alla spalla (capo lungo del bicipite, cuffia dei rotatori)

✔️Dolore al gomito (epicondilite, epitrocleite)

✔️Dolore all’anca (borsite trocanterica, coxartrosi, tendiniti dell’anca)

✔️Dolori piede e caviglia (distorsioni, spina calcaneare, fascite plantare, esiti di fratture)

La tecnica della tecarterapia

Con la tecarterapia si possono raggiungere e trattare i tessuti profondi per mezzo di un trasmettitore radio a bassa frequenza il cui il segnale viene applicato ai tessuti biologici attraverso speciali elettrodi che, a loro volta, trasferiscono energia in grado di stimolare intensamente in profondità. I principali effetti del trattamento consistono nell'innalzamento della temperatura interna, nella stimolazione della microcircolazione, nell'aumento dell'ossigenazione dei tessuti sofferenti e della vasodilatazione. Si ottiene così un aumento del flusso sanguigno e linfatico e le sostanze di tessuto fibroso che bloccano gli interstizi di un organo si sciolgono, consentendo ai naturali processi di scambio intercellulari di riprendere normalmente. In pratica, i meccanismi autoriparativi dell'organismo vengono potenziati e ricevono una forte accelerazione. Inoltre, la tecarterapia agisce con efficacia sulle terminazioni nervose, bloccando così lo stimolo doloroso fin dalla prima seduta e facendone diminuire o addirittura scomparire i sintomi. Infine, ripristina il metabolismo corretto, restituendo vitalità ai tessuti. Molto spesso, costituisce una valida terapia di supporto nell'ambito di un più ampio programma riabilitativo e può essere ripetuta più volte anche nella stessa giornata.

Benefici della tecarterapia

Riduzione dei tempi di convalescenza, immediata riduzione del dolore, rafforzamento delle capacità di autoriparazione dei tessuti, immediatezza dei risultati. La Tecarterapia inoltre, per la sua versatilità, è inserita in piani terapeutici più articolati e può essere utilizzata insieme a:

✔️Rieducazione Funzionale 

✔️Rieducazione Posturale

✔️Manipolazione Fasciale

✔️Manipolazioni vertebrali 

✔️Terapia manuale

✔️Kinesiterapia

✔️Laser

✔️Ipertermia

✔️Elettroterapia

✔️Ultrasuoni

✔️Onde d’urto

✔️Magnetoterapia

La Tecarterapia può essere combinata alla mobilizzazione del fisioterapista per migliorare l’articolarita nella riabilitazione post-traumatica. Molto utilizzato è l’abbinamento con il massaggio soprattutto per i trattamenti della colonna vertebrale e nella riabilitazione in ambito sportivo.

Autori

Mari Giuliano

Dott.re in Fisioterapia

Ho studiato fisioterapia c/o l’università degli studi di Roma Tor Vergata laureandomi con lode nel 1997.

Da allora ho frequentato le più importanti scuole di:

  • Terapia Manuale (Mc Kenzie, Mulligan, Mc Connell, Maitland),
  • Osteopatia (Bienfait),
  • Riequilibrio Muscolare (Jull, Hodges e Sahrmann).

I MIGLIORI CENTRI VICINO A TE

Non è la zona che stai cercando?

CERCA