Spina calcaneare Che cos'è quali sono i trattamenti Giusti

Data pubblicazione: 01/10/2020
Ultimo aggiornamento: 19/10/2020

Vuoi navigare al meglio dal tuo smartphone? Vai alla pagina ottimizzata AMP (Accelerated Mobile Pages)

Introduzione - Spina calcaneare Che cos'è quali sono i trattamenti Giusti

Una spina calcaneare o sperone calcaneare è una calcificazione ossea dell'osso del tallone del piede che si estende in direzione dell'arco plantare. Questa formazione benigna solitamente si presenta nella parte anteriore ed inferiore del tallone e può arrivare fino ad 1 cm e mezzo di lunghezza: tuttavia, è una formazione mai visibile ad occhio nudo. La spina calcaneare ha una caratteristica ambigua: infatti, è una condizione che può rivelarsi asintomatica, quindi rimarrebbe sconosciuta in quanto non richiederebbe un approfondimento clinico, mentre quando è presente il dolore al tallone, non sempre questo è causato dalla presenza della spina calcaneare stessa. Per questo motivo, è bene affidarsi ad una figura sanitaria specializzata per evitare di eseguire esami diagnostici e terapie poco utili ed inefficaci per l’inquadramento e la risoluzione del problema.

Questa condizione è spesso associata a fascite plantare, una dolorosa infiammazione della banda fibrosa del tessuto connettivo (fascia plantare) che corre lungo la parte inferiore del piede, ovvero la pianta del piede, e collega l'osso del tallone alla dita del piede. I trattamenti per la spina calcaneare più efficacei e per le altre patologie associate sono esercizio fisico, terapia fisica strumentale, utilizzo di plantari su misura quando necessari, assunzione di farmaci anti-infiammatori farmaci, iniezioni cortisoniche. Se i trattamenti conservativi falliscono, e a distanza di mesi il dolore rimane severo ed invalidante, potrebbe essere necessario valutare un intervento chirurgico.

Introduzione - Spina calcaneare Che cos'è quali sono i trattamenti Giusti

Una spina calcaneare o sperone calcaneare è una calcificazione ossea dell'osso del tallone del piede che si estende in direzione dell'arco plantare. Questa formazione benigna solitamente si presenta nella parte anteriore ed inferiore del tallone e può arrivare fino ad 1 cm e mezzo di lunghezza: tuttavia, è una formazione mai visibile ad occhio nudo. La spina calcaneare ha una caratteristica ambigua: infatti, è una condizione che può rivelarsi asintomatica, quindi rimarrebbe sconosciuta in quanto non richiederebbe un approfondimento clinico, mentre quando è presente il dolore al tallone, non sempre questo è causato dalla presenza della spina calcaneare stessa. Per questo motivo, è bene affidarsi ad una figura sanitaria specializzata per evitare di eseguire esami diagnostici e terapie poco utili ed inefficaci per l’inquadramento e la risoluzione del problema.

Questa condizione è spesso associata a fascite plantare, una dolorosa infiammazione della banda fibrosa del tessuto connettivo (fascia plantare) che corre lungo la parte inferiore del piede, ovvero la pianta del piede, e collega l'osso del tallone alla dita del piede. I trattamenti per la spina calcaneare più efficacei e per le altre patologie associate sono esercizio fisico, terapia fisica strumentale, utilizzo di plantari su misura quando necessari, assunzione di farmaci anti-infiammatori farmaci, iniezioni cortisoniche. Se i trattamenti conservativi falliscono, e a distanza di mesi il dolore rimane severo ed invalidante, potrebbe essere necessario valutare un intervento chirurgico.

Dove si trova la spina calcaneare

spina calcarea dove si trova

Lo sperone calcaneare è una piccola sporgenza ossea di circa 1 cm o poco più che si trova sulla faccia anteriore-inferiore del tallone, ed assomiglia ad una piccola spina o becco che parte dal calcagno in direzione della pianta del piede (nelle foto sotto è ben visibile la sua presenza ed il suo posizionamento).

Perchè viene la spina calcaneare

Gli speroni calcaneari sono causati direttamente da tensioni delle strutture muscolari e legamentose che si protraggono nel tempo. Alla fine, questa tensione eccessiva sollecita l'osso del tallone (calcagno) causando la formazione benigna ossea della spina. Questo quadro clinico è spesso associato ad alterazioni della postura o disfunzioni del movimento.

Infatti, la spina calcaneare si sviluppa nel tempo ed è figlia di un processo di infiammazione cronico: non compare improvvisamente dopo un allenamento o un evento sportivo od un trauma, ma tende a verificarsi, solitamente, quando si ignorano i primi sintomi come il dolore al tallone o alla pianta del piede. Le sollecitazioni eccessive che deve sopportare la pianta del piede in alcune situazioni, costringe la fascia plantare del piede ad una messa in tensione esagerata, che con il passare del tempo traziona verso di sé alcune cellule dell’osso del calcagno, provocando quindi questa piccola escrescenza di natura ossea e non più muscolare. Il processo di formazione dello sperone calcaneare può durare anni, per questo spesso è totalmente asintomatico: naturalmente, un trauma importante od un allenamento intenso, può renderla sintomatica, ma non è mai la causa della sua presenza.

Lo stress ripetitivo dovuto al camminare, correre o saltare su superfici dure è una causa comune dell’insorgenza dei sintomi: le calzature che indossiamo quotidianamente possono influenzare lo sviluppo di questa patologia, soprattutto quelle che non supportano adeguatamente il piede come i tacchi alti.

spina calcarea come viene

La spina calcaneare può anche essere causata da:

  • artrite
  • traumi al tallone
  • eccesso di peso corporeo che provoca uno stress sul piede
  • scarpe scarsamente aderenti e scomode
  • problemi di deambulazione
  • alterazioni posturali e del movimento

Molto spesso le persone che hanno gli speroni calcaneari presentano anche fascite plantare: questa condizione dolorosa interessa il tessuto duro e fibroso che collega la base del tallone alle dita dei piedi. È una delle principipali patologie che affliggono il piede e la caviglia. Soffrire di fascite plantare aumenta esponenzialmente il rischio di sviluppare eventuali spine calcaneari.

Come prevenire la spina calcaneare

Prevenire la formazione di spina calcaneare richiede una maggiore attenzione alla salute generale del piede: bisogna fare attenzione agli stress a cui esponiamo quotidianamente i nostri piedi e le strutture ad essi collegate.

Come regola generale non bisogna mai prendere sotto gamba e sottovalutare quando insorge il dolore che si sviluppa al tallone. La così detta tallonite è un sintomo che può essere causato da una spina calcaneare. Il dolore ai talloni può però essere riconducibile anche ad altre patologie del piede come la fascite plantare. Continuare a camminare, fare attività fisica o indossare scarpe che causano instabilità e sovraccarichi al piede, scatenano a volte il dolore al tallone e può portare alla formazione, a lungo termine, di speroni calcaneari.

Se si avverte dolore al tallone durante o dopo qualsiasi attività, è utile applicare del ghiaccio sull'area e far riposare la parte fino a quando non migliora per evitare di sovraccaricare ulteriormente una zona infiammata.

Quali sono i sintomi?

I sintomi di una spina calcaneare possono includere:

  • dolore al tallone
  • infiammazione
  • gonfiore nella parte anteriore del tallone
  • aumentata sensibilità sul tallone

L'area interessata può essere percepita calda e dolente al tatto, con sintomi che possono anche diffondersi su tutto l'arco del piede: solo in rari casi è possibile percepire al tatto una piccola sporgenza ossea. Alcuni speroni calcaneari, o spine calcaneari, potrebbero non provocare alcun tipo di fastidio ed alcun tipo di cambiamento nei tessuti molli o nelle ossa che circondano il tallone: per questo motivo, la loro presenza è rilevabile e visibile solo attraverso un approfondimento diagnostico, come i raggi X e le ecografie o risonanza magnetica.

spina calcarea sintomi

Diagnosi

Per valutare se si tratti veramente di spina calcaneare o meno, il primo passo da fare è capire dove si percepisce più dolore nel piede: nel tallone, nella fascia plantare o nelle dita dei piedi? La risposta a questa domanda, ovvero la comprensione del punto di maggior dolore della persona, è importante per effettuare una corretta diagnosi differenziale e, di conseguenza, per affrontare un corretto percorso riabilitativo.

Il medico o il fisioterapista quindi effettuerà un esame fisico del piede per cercare eventuali segni clinici e sintomi causati dall’infiammazione. L'eventualefastidio doloroso alla palpazione può essere un'altra indicazione di presenza di uno sperone calcaneare. Gli strumenti di diagnostica per immagini sono essenziali se si presenta dolore ai piedi associato ad infiammazione.

Un esame radiografico però non sempre evidenzia l'esistenza di una spina calcaneare. Un' ulteriore esame diagnostico come l’ecografia dei tessuti molli chiarisce la presenza o meno di fascite plantare, una patologia che può simulare la presenza di sperone calcaneare.

Chi cura la spina calcaneare

L’ortopedico e il fisioterapista sono i candidati ideali per il trattamento conservativo che nella maggior parte dei casi risolve efficacemente questa condizione.

Nel caso queste figure non riuscissero a risolvere il dolore attraverso un percorso conservativo, è il chirurgo ortopedico che si occupa di un'eventuale operazione per la rimozione dello sperone.

Rimedi

Il dolore al tallone associato alla presenza di spina calcaneare e fascite plantare potrebbe aumentare quando richiediamo un allungamento improvviso alla pianta del piede dopo un periodo di immobilità: per questo motivo, il dolore è particolarmente vivo e presente durante i primi passi della mattina, dopo essere stato fermo per diverse ore la notte, o durante i primi passi dopo essere stato seduto per diverse ore sulla sedia davanti al computer a lavoro.

Sebbene il camminare migliori la condizione di dolore a causa della lubrificazione dei tessuti, camminare eccessivamente potrebbe comunque esacerbare il dolore.

Riposo

Il riposo, inteso come riduzione degli stimoli stressanti, è una delle misure di trattamento più raccomandate nelle fasi acute sia per la fascite plantare che per la spina calcaneare. Il riposo non solo aiuta ad alleviare il dolore nella sua fase acuta, ma previene il peggioramento delle condizioni iniziali. Per questo motivo è particolarmente importante far riposare i piedi dopo lunghi periodi di attività.

curare la spina calcarea

In caso di dolore acuto, il fisioterapista può consigliarti di far riposare il piede fino a quando i sintomi non si attenuano ed iniziare un piano di trattamento. Aumentare il peso sul tallone dolorante caricandolo eccessivamente non fa altro che peggiorare la condizione e potrebbe anche allungare i tempi di recupero.

Trattamenti conservativi

Se hai dolore al tallone che persiste per più di un mese, è importante consultare un fisioterapista esperto che potrà raccomandare trattamenti conservativi come:

Il dolore al tallone inoltre può rispondere al trattamento con farmaci da banco come acetaminofene, ibuprofene o naprossene. In molti casi, un tutore funzionale può correggere gli squilibri biomeccanici che causano il dolore al tallone e all'arco plantare: inoltre, in rarissimi casi, anche se sarebbe meglio evitare, l'iniezione di un corticosteroide potrebbe alleviare l'infiammazione nell'area interessata.

spina calcarea trattamenti

Oltre il 90 % delle persone che presentano dolore a causa della spina calcaneare, migliora la sintomatologia grazie trattamenti non chirurgici: tuttavia, se il trattamento conservativo tentato per 9-12 mesi non riesce a risolvere i sintomi provocati dagli speroni calcaneari, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per alleviare il dolore e ripristinare la mobilità.

Impacchi freddi

L'uso di impacchi di ghiaccio o impacchi freddi (crioterapia) per un massimo di 15 minuti alla volta può aiutare ad alleviare il dolore dello sperone calcaneare: infatti, riducendo l’afflusso di sangue nella zona trattata, crea una sensazione temporanea di intorpidimento e anestesia del punto di dolore. La vasodilatazione reattiva poi favorisce il metabolismo della zona trattata. Alcuni centri di fisioterapia abbinano alla crioterapia il trattamento con ultrasuoni utilizzando un apparecchio combinato che effettua contemporaneamente le due terapie: il crio-ultrasuono.

Questo metodo aiuta anche a ridurre il gonfiore: infatti, il crio-ultrasuono favorisce il drenaggio dell’edema che si forma intorno alla zona infiammata, insieme alla bio stimolazione dei tessuti. Per questo tipo di patologie, sono più efficaci gli impacchi freddi rispetto agli impacchi di calore, a loro volta sicuramente più indicati del trattamento di dolori muscolari.

Stretching

Gli esercizi di stretching rappresentano un ottimo modo per un condizionamento generale del corpo perché aiutano ad allungare i muscoli doloranti, alleviando le tensioni dei tessuti e stimolando strutture più resistenti come legamenti e tendini. Lo stesso concetto si applica alla gestione e al recupero del dolore dello sperone calcaneare: infatti, esercizi specifici di allungamento progressivo della fascia plantare e dei muscoli del polpaccio, migliorano l’elasticità dei tessuti che circondano il tallone e lo sperone calcaneare, riducendo notevolmente la sensazione di dolore riferita.

Il fisioterapista può consigliarti l’utilizzo di terapia fisica strumentale per ridurre il dolore e migliorare l’elasticità dei tessuti che potrebbero facilitare la risoluzione dello sperone calcaneare: la terapia fisica più indicata e con il maggior numero di evidenze scientifiche è sicuramente l’onda d’urto extracorporea. Questa terapia è riconosciuta come trattamento gold standar della fascite plantare, spesso la vera causa del dolore al tallone.

spina calcarea stretching

Dopo un iniziale trattamento con onde d’urto, il fisioterapista ti guiderà ad un programma di esercizi terapeutici per conoscere le tecniche ed i movimenti da utilizzare per ridurre il dolore nell’immediato e prevenire una sua riacutizzazione nel lungo periodo, soprattutto per evitare di assumere in maniera eccessiva, e quindi dannosa, farmaci antinfiammatori.

spina calcarea esercizi

Gli esercizi utili consistono nell'allungare i muscoli della fascia plantare e del polpaccio. Il tuo fisioterapista può mostrarti come eseguire alcuni semplici esericizi anche rimanendo a casa. Possono essere eseguiti in qualsiasi momento della giornata: gli esercizi di allungamento è meglio eseguirli dopo periodo di grande attività, quindi dopo un’attività fisica o prima di andare a dormire, mentre gli esercizi di riattivazione muscolare è meglio eseguirli dopo lunghi periodi di inattività (come la posizione seduta a lavoro) o di immobilità (come la posizione sdraiata durante la notte). Alcuni tipi di allungamenti possono aiutare a migliorare il dolore e l'infiammazione nelle aree del tallone, del piede e dei polpacci. Ecco alcuni semplici esercizi di stretching che aiutano a combattere questa condizione:

  • appoggiandosi ad un muro con le mani, portare il tallone all’indietro col ginocchio stesso per sentire l’allungamento del polpaccio
  • mettendoci con la punta dei piedi sopra un rialzo od un gradino, portare il tallone verso il suolo per sentire l’allungamento del polpaccio
  • da posizione seduta, spingendo la pianta del piede contro una pallina da tennis facendola ruotare permette di effettuare un automassaggio della fascia plantare
  • da posizione seduta, tirare la punta delle dita del piede verso di sé per sentire l’allungamento della fascia plantare
  • da posizione seduta, con un asciugamano tirare la punta del piede verso di sé col ginocchio steso per sentire l’allungamento di flessori, polpacci e fascia plantare.

spina calcarea allungamento

 

Chirurgia

Le tecniche chirurgiche si basano sulla rimozione della spina calcaneare sintomatica. Sono necessari test o esami pre-chirurgici per identificare i candidati ottimali ed è importante osservare le raccomandazioni post-chirurgiche relative a riposo, ghiaccio, compressione, elevazione del piede e carico progressivo.

Prima di raccomandare un intervento chirurgico di rimozione dello sperone calcaneare, il medico di riferimento condurrà esami diagnostici tramite raggi X, ECG e flusso sanguigno del piede per decretare se sia il caso di intervenire chirurgicamente o meno. In base alle indicazioni del medico chirurgo, i pazienti operati dovranno utilizzare bendaggi, calzature chirurgiche, stampelle e tutori dopo l'intervento.

Le possibili complicanze della chirurgia del tallone includono danni ai nervi, con conseguenti dolori neuropatici, dolori al tallone ricorrenti, intorpidimento permanente dell'area, danni alla componente muscolo-scheletrica, crampi muscolari alla fascia plantare e complicanze post chirurgiche come infezioni e danni alla pelle come cicatrici e fibrosi.

I MIGLIORI CENTRI VICINO A TE

Non è la zona che stai cercando?

CERCA
ARTICOLI CORRELATI PIÙ LETTI
TUTTI GLI ARTICOLI