Cerca

DITO A SCATTO

Questo tipo di patologie riveste sempre un ruolo molto particolare perché vanno a deficitare uno dei componenti fondamentali del nostro corpo: la mano e più precisamente, nel caso della patologia che prenderemo in esame nel corso di questo articolo, le dita.

Partendo dalla definizione di “dito a scatto” procederemo con la descrizione della sintomatologia, dei fenomeni eziologici (le cause), la definizione di tenosinovite stenosante e le relative cure che si utilizzano in Italia al giorno d’oggi.

Ti auguriamo una buona lettura.

Cosa è il “dito a scatto”

Quella che tutti conosciamo comunemente come “dito a scatto” in termini medici è una condizione che prende il nome di  “tenosinovite ” e riguarda le pulegge e i  tendini  della  mano, in particolare quelli deputati al movimento di flessione delle dita.

Cosa sono le pulegge?

Le pulegge sono dei “tunnel” fibrosi entro i quali scorrono i tendini delle dita della mano.

Cosa sono i tendini?

I tendini sono quella porzione di muscolo che unisce il ventre muscolare all’osso. I tendini flessori delle dita della mano originano tutti dal gomito, precisamente dall’epitroclea, che è una prominenza ossea situata nella parte laterale dell’estremità distale dell’omero.

Dal gomito, attraversando l’avambraccio, i muscoli epitrocleari arrivano fino alla mano e alle dita.

dito a scatto le pulegge e i tendini

Cos’è la tenosinovite

Tenosinovite è un termine generico che descrive l'infiammazione della sinovia all'interno di una guaina tendinea.

Un tendine è un tipo di tessuto fibroso che collega i muscoli alle ossa. Questi tessuti aiutano a controllare azioni come correre, saltare, afferrare e sollevare. Senza tendini, non sarebbe possibile controllare i movimenti del corpo.

Una guaina protettiva nota come sinovia copre i tendini. Questa guaina produce liquido sinoviale, che mantiene lubrificato il tendine. Se la guaina sinoviale si infiamma o cambia a causa di un sovraccarico persistente, si sviluppa un dolore trascinante lungo il tendine.

La tenosinovite altro non è che una tendinite. Nella tenosinovite l’infiammazione, però, riguarda il rivestimento della guaina del tendine.

tenosinovite infiammazione sinovia

Quali sono i sintomi del dito a scatto?

Il sintomo più evidente di questa condizione è quello per cui è conosciuta la patologia, ossia lo “scatto”. A causa di un rigonfiamento in un punto specifico nella guaina tendinea della puleggia, il tendine ha sempre maggiore difficoltà a scorrere. Quando attraversa l’area ristretta, il tendine è schiacciato e questo produce dolore. Se questa condizione viene protratta, oltre al dolore il paziente noterà un vero e proprio impedimento meccanico allo scorrere del tendine che non trovando sufficiente spazio tenderà a bloccarsi per poi scorrere improvvisamente producendo un movimento “a scatto”.

SI verifica dunque un circolo vizioso per il quale l’infiammazione che ha prodotto l’ispessimento della guaina infiamma il tendine che trova difficoltà nello scorrimento all’interno di essa. In alcuni casi il tendine si blocca nel movimento di flessione e il paziente ha molta difficoltà a farlo tornare alla posizione di partenza.

Nei casi più avanzati è ben visibile la presenza di un nodulo in prossimità dell’ispessimento della puleggia del tendine. Il dolore è presente non solo al movimento ma anche alla palpazione, e in condizioni acute il paziente avverte sintomatologia algica anche con il dito a riposo.

Quando e perché viene il dito a scatto?

Le cause del dito a scatto sono ancora oggi molto dubbie, sicuramente sono noti fattori di rischio come:

cause dito a scatto

Quali sono i rimedi per il dito a scatto?

L’obiettivo del processo di cura in questo caso è la riduzione/scomparsa del dolore e dell’ispessimento della puleggia. Ci sono due tipi di approccio per questa patologia:

Il tipo da approccio con il quale procedere dipende da caso a caso, ma è sempre consigliabile tentare un primo ciclo di fisioterapia, anche nei casi più gravi, poiché anche se non si riuscisse a far passare del tutto i sintomi sicuramente contribuirebbe ad un miglioramento della condizione clinica.

Come curare il dito a scatto senza intervento: la fisioterapia

Il ciclo fisioterapico per questa patologia è costituito dall’integrazione di tecniche di terapia manuale, mezzi fisici ad alta tecnologia, esercizi specifici e ortesi.

Le tecniche di terapia manuale come le mobilizzazioni in trazione, il massaggio e il trattamento di trigger point hanno lo scopo di ridurre la tensione e la rigidità dei tessuti, recuperando il più possibile la disfunzione di movimento che caratterizza questa condizione.

I mezzi fisici ad alta tecnologia hanno lo scopo di controllare l’infiammazione e ridurre il dolore mediante la stimolazione biologica del tessuto. I device più utilizzati per questa condizione sono:

- chimico: una normalizzazione del potenziale di membrana, gli scambi cellulari tendono ad alterarsi in stati infiammatori;

- termico: per un richiamo di sangue che avviene nella regione trattata. Questo effetto consente un aumento del microcircolo e della temperatura tissutale locale. Considera che il calore profondo (endogeno) che si avverte nel trattamento, oltre che ad avere un impatto curativo è molto piacevole e rilassante, tanto che spesso alcuni pazienti si addormentano;

- meccanico: a seguito del trattamento risulta essere più semplice trattare e mobilizzare i tessuti.

Normalmente per questo tipo di condizione si prescrivono cicli da dieci sedute a cadenza bisettimanale, in alcuni casi i fisioterapisti consigliano al paziente di effettuare tre sedute a settimana per le prime due settimane (in modo da dare uno stimolo importante al tendine infiammato) e poi procedere con una frequenza bisettimanale.

laserterapia cura per il dito a scatto

L’osteopatia per il dito a scatto

L’osteopatia sarà utile quando il dito a scatto ha origine da movimenti ripetitivi. Il trattamento osteopatico può aiutare a ridurre lo stress meccanico esercitato sul tendine, lavorando sulle strutture muscolari e articolari che sono collegate o che lo intralciano.

Le tecniche miotensive sui muscoli flessori dell'avambraccio consentiranno una minore trazione sui tendini flessori. Le tecniche articolari a livello del dito a scatto permetteranno un migliore scorrimento dei tendini l'uno rispetto all'altro.

Questa alternativa consente di posticipare o addirittura evitare l'infiltrazione o un potenziale intervento chirurgico. L'osteopata quindi non lavorerà sulla sede dell'infiammazione ma a distanza, su aree legate al tendine.

Infiltrazioni per il dito a scatto

Le infiltrazioni consistono nell'iniettare corticosteroidi nel nodulo, al fine di facilitare il passaggio del tendine nella guaina. Questa tecnica è veloce. La durata dell'effetto sarà temporanea e soggettiva.

Può durare due settimane come 6 mesi. Può capitare che il dito o la mano siano doloranti durante le 48 ore successive all'infiltrazione. Ripetute iniezioni di cortisone possono indebolire il tendine e provocarne la rottura.

La chirurgia per il dito a scatto

Per quanto concerne il dito a scatto è importante sottolineare che si tratta di un  intervento  non molto lungo,eseguito in  day hospital. L’obbiettivo dell’operazione chirurgica è di far scorrere liberamente il tendine aprendo la prima puleggia.

In alcuni casi è possibile trattare la patologia in endoscopia, eseguendo l’intervento attraverso due piccoli fori alla base del dito. Ovviamente è sempre un intervento chirurgico, in cui si sezionano tessuti corporei con il rischio che si formino aderenze cicatriziali.

La mobilizzazione attiva del dito in genere inizia immediatamente dopo l'intervento chirurgico, il trattamento della cicatrice avviene dal momento in cui si chiude la ferità e la funzionalità della mano può essere raggiunta anche nel corso di un mese dall’inizio della riabilitazione.

Il percorso terapeutico è molto simile a quello utilizzato nell’approccio conservativo, con la variabile del trattamento per la prevenzione delle aderenze connettivali.

chirurgia dito a scatto

Tenosinovite stenosante

La tenosinovite stenosante, è la forma più comune di tenosinovite. La tenosinovite, come già detto, altro non è che una tendinite che interessa la guaina tendinea. Viene quindi generalmente definita come l'infiammazione di un tendine e della sua rispettiva guaina sinoviale.

Durante il processo infiammatorio il liquido sinoviale subisce un aumento del volume e una diminuzione della fluidità. Questo determina la comparsa di attrito che si traduce in dolore e limitazione dei movimenti. La tenosinovite è, solitamente, dovuta alle ripetute piccole lacerazioni o alterazioni degenerative che si verificano nel tendine nel corso degli anni.

La tenosinovite stenosante è, nello specifico, una tenosinovite che interessa i tendini delle dita e comprende processi come il dito a scatto e la tenosinovite di De Quervain.

Tenosinovite di De Quervain

La Tenosinovite di de Quervain è una tenosinovite stenosante che interessa i tendini del pollice. Il gonfiore dei tendini e della guaina tendinea può causare dolore e indolenzimento lungo il lato del pollice e del polso. Il dolore è particolarmente evidente quando si stringe il pugno, si afferra qualcosa o quando si gira il polso.

La Tenosinovite di De Quervain è causata da un uso eccessivo del pollice (ad esempio durante la scrittura). Inoltre è associata alla gravidanza e alle malattie reumatoidi. È più comune nelle donne di mezza età.

dito a scatto cause e sintomi

Caso clinico e cause

Valeria, una cameriera di 28 anni, si è rivolta a uno dei nostri CENTRI FISIOTERAPIA ITALIA perché le è stata diagnosticata una tendinite stenosante al tendine flessore del pollice.

Il dito affetto è quello che Valeria usa per portare i vassoi. Evidentemente negli anni l’uso eccessivo della prensione del pollice ha favorito l’instaurarsi della patologia. Nel corso della prima visita, in cui effettuiamo una valutazione globale del paziente, Valeria ci racconta in che modo si è instaurata la tenosinovite.

Dopo un periodo intenso di lavoro, ha iniziato ad avvertire dolore quando sforzava il tendine flessore del primo dito durante le ore lavorative (ad es. mentre teneva il vassoio). Una mattina, al risveglio, ha notato che il suo dito si bloccava in flessione, e che solo con uno “scatto” riusciva a rimettere il dito esteso. Dato che questa difficoltà di movimento compariva raramente nel corso della giornata e non le comportava problemi nelle attività di vita quotidiana, Valeria ha sottovalutato la sua condizione. Col passare delle settimane, il blocco del dito si faceva sempre più costante fino a quando non riusciva più a estenderlo autonomamente.

A questo punto Valeria si è fatta visitare da un ortopedico, che le ha consigliato di tentare di rimuovere i sintomi con un ciclo fisioterapico, e se quest’ultimo non avesse avuto successo con la chirurgia.

Non è la zona che stai cercando?

Ricerca zona

CERCA
Sei un fisioterapista? Trova fisioterapista