Morbo di Notta o dito a scatto

Data pubblicazione: 16/10/2018
Ultimo aggiornamento: 05/11/2018

Morbo di Notta o dito a scatto

INDICE
Vuoi navigare al meglio dal tuo smartphone? Vai alla pagina ottimizzata AMP (Accelerated Mobile Pages)

Introduzione - Morbo di Notta o dito a scatto

Il Morbo di Notta, o più conosciuto come dito a scatto, è una patologia che colpisce i tendini flessori delle dita della mano.

I tendini scorrono all’interno di una guaina che può infiammarsi; questa infiammazione crea un rigonfiamento ed un relativo aumento dello spessore di una porzione del tendine.

Questo inspessimento porterà allo sviluppo di un nodulo, impedendo così il normale scorrimento del tendine all’interno di piccoli “tunnel” legamentosi chiamati pulegge di scorrimento, che hanno lo scopo di mantenere in asse i tendini durante il movimento. Quando il paziente apre e chiude le dita, la porzione rigonfiata del tendine vince la resistenza e oltrepassa l’ostacolo che è rappresentato dalla puleggia. In questa fase si avverte il tipico scatto.

Il dito può rimanere anche bloccato in posizione di chiusura, costringendo il paziente ad utilizzare l’altra mano per stenderlo, con un’azione dolorosa. Il dito a scatto si verifica maggiormente al risveglio, quando il paziente presenta il dito, o le dita interessate, flesse, cioè chiuse, ed è costretto a forzare il movimento per eseguire l’estensione e l’apertura completa della mano.

Età colpita tra i 40 e 60 anni

Introduzione - Morbo di Notta o dito a scatto

Il Morbo di Notta, o più conosciuto come dito a scatto, è una patologia che colpisce i tendini flessori delle dita della mano.

I tendini scorrono all’interno di una guaina che può infiammarsi; questa infiammazione crea un rigonfiamento ed un relativo aumento dello spessore di una porzione del tendine.

Questo inspessimento porterà allo sviluppo di un nodulo, impedendo così il normale scorrimento del tendine all’interno di piccoli “tunnel” legamentosi chiamati pulegge di scorrimento, che hanno lo scopo di mantenere in asse i tendini durante il movimento. Quando il paziente apre e chiude le dita, la porzione rigonfiata del tendine vince la resistenza e oltrepassa l’ostacolo che è rappresentato dalla puleggia. In questa fase si avverte il tipico scatto.

Il dito può rimanere anche bloccato in posizione di chiusura, costringendo il paziente ad utilizzare l’altra mano per stenderlo, con un’azione dolorosa. Il dito a scatto si verifica maggiormente al risveglio, quando il paziente presenta il dito, o le dita interessate, flesse, cioè chiuse, ed è costretto a forzare il movimento per eseguire l’estensione e l’apertura completa della mano.

Età colpita tra i 40 e 60 anni

Sintomi

Fase iniziale: fastidio e gonfiore nella zona del palmo della mano, alla base del dito interessato, con comparsa di un piccolo bozzetto.

Fase avanzata: aumento del dolore durante il movimento di chiusura ed apertura della mano, con comparsa dello scatto occasionalmente.

Fase Grave: scatto del dito sempre presente durante la chiusura e l’apertura delle dita della mano, con blocco del dito in flessione, ma diminuzione del dolore.


Questo contenuto è prodotto dal centro fisioterapico FISIOMEDIC di Cesena, affiliato Fisioterapia Italia

  CLICCA QUI !  


dito a scatto cause e sintomi

Cause

  • Azioni lavorative con particolare sollecitamento della mano possono facilitare la comparsa della patologia.
  • Microtraumi ricorrenti a carico della mano possono facilitare la comparsa del disturbo.
  • Mani sottoposte a forti vibrazioni ricorrenti.
  • Traumi diretti su strutture ossee e tendinee delle dita della mano.
  • In associazione con malattie come artrite reumatoide, artrosi primaria della mano, gotta, diabete, morbo di Dupuytren.

Diagnosi

  • Visita mediaca specialistica
  • Esame ecografico

Trattamento

  • Ridurre le attività, sia lavorative che non, che aggravano le condizioni della mano.
  • Trattamento Osteopatico.
  • Utilizzo di ortesi statiche (tutore) per ridurre il movimento.
  • Terapia antalgica come Tecarterapia, laser, tens.
  • Il medico prescriverà all’occorrenza antinfiammatori o altre terapie farmacologiche nei casi più avanzati.

Il trattamento può determinare esiti differenti in base alla gravità e allo stadio della patologia. Nei casi di recente insorgenza i disturbi regrediscono quasi immediatamente. Nei casi gravi la sintomatologia può migliorare ma non risolversi del tutto.


Questo contenuto è prodotto dal centro fisioterapico FISIOMEDIC di Cesena, affiliato Fisioterapia Italia

  CLICCA QUI !  


tecarterapia come rimedio per il dito a scatto

Se la terapia non portasse risultati apprezzabili si dovrà valutare, tramite consulto ortopedico di uno specialista, la necessità di ricorrere all’intervento chirurgico.

Intervento chirurgico

Come descritto dai numerosi Chirurghi specialisti della mano, l’intervento può essere eseguito con tecniche di microchirurgia in day surgery ed avviene in anestesia locale.

Consiste nel liberare il tendine lungo il suo decorso tramite l’apertura della puleggia e nel pulirlo dall’inspessimento creatosi.

Trattamento post-chirurgico

  • Può iniziare qualche giorno dopo l’intervento
  • La durata dipende dal caso
  • Utilizzo di ortesi per protezione
  • Massoterapia
  • Scollamento della cicatrice manualmente o con ultrasuoni, se necessario Mobilizzazioni
  • Terapia antalgica, laser, Tecar, tens

 

dito a scatto curare con la terapia manuale

Guarigione e recupero

Si consiglia di muovere le dita libere dalla medicazione subito dopo l’intervento, evitando l’utilizzo attivo nella prensione e nel sollevamento di oggetti di piccola, media o grande entità.

Il recupero completo della funzionalità è soggetto all’età del paziente, alle sue condizioni di salute generali e alla tempistica d’intervento.

A cura di Fabio Matteoni - Massofisioterapista

Questo contenuto è prodotto dal/dai seguenti centri affiliati Fisioterapia Italia:

I MIGLIORI CENTRI VICINO A TE

Non è la zona che stai cercando?

CERCA
ARTICOLI CORRELATI
TUTTI GLI ARTICOLI