Terapia del suono con le campane tibetane

Terapia del suono con le campane tibetane

Introduzione - Terapia del suono con le campane tibetane

Niente batacchio per le campane tibetane e nemmeno Fra Martino campanaro sarebbe in grado di farle suonare come si deve! Questo perché le campane tibetane, dall'ovvia provenienza, non sono come le campane della nostra tradizione. A vederle sembrano semplici ciotole di metallo, ma quali prodigiose meraviglie serbano quando suonano! Considerate un antico strumento di guarigione, le campane tibetane sono ottenute dalla fusione di sette metalli, ognuno dei quali è, secondo i buddisti, il simbolo di un corpo celeste. Quanto al suono che emettono, questo varia a seconda della forma, della proporzione e dello spessore dei metalli di cui sono costituite. La loro caratteristica è quella di produrre effetti sonori in armonia con le vibrazioni delle sfere celesti, trasmettendole a chi le ascolta. E' come quando, per evitare il gracchiare della radio, ci sintonizziamo sulle giuste frequenze e solo allora il nostro udito proverà l'armonia dell'ascolto. Nel caso delle campane tibetane , quando vengono percosse, dopo essere state appoggiate in vari punti del corpo, emettono profonde vibrazioni benefiche che massaggiano "sonoramente" e molto in profondità il corpo, accordandolo come fosse uno strumento musicale e tutto l'organismo ne trae un grande giovamento in termini di rilassamento, salute e benessere. Per questo motivo, se utilizzate con correttezza e appropriatezza, valgono a tutti gli effetti come terapia del suono, e rientrano nell'ambito della musicoterapia. L'ascolto dei suoni delle campane tibetane è indicato per chi soffre di problemi d'insonnia, di attacchi d'ansia e di panico, per chi ha bisogno di una ricarica psicofisica, oppure negli stati di stress, irritabilità e nervosismo. Le frequenze armoniche producono effetti benefici sul sistema nervoso centrale, consentendo di sostituire il disordine causato da un disturbo con un nuovo ordine, ma soprattutto rinforzano ed energizzano il sistema bioenergetico e stimolano la capacità di autoguarigione. Inoltre, sono un ottimo "strumento di accompagnamento" durante un massaggio, una lezione di yoga, di pilates, di postural trainer e in qualsiasi attività in cui occorra sentire il proprio corpo, come nel caso in cui si stia lavorando alla correzione della postura o al ripristino della sensibilità propriocettiva.

 

Introduzione - Terapia del suono con le campane tibetane

Niente batacchio per le campane tibetane e nemmeno Fra Martino campanaro sarebbe in grado di farle suonare come si deve! Questo perché le campane tibetane, dall'ovvia provenienza, non sono come le campane della nostra tradizione. A vederle sembrano semplici ciotole di metallo, ma quali prodigiose meraviglie serbano quando suonano! Considerate un antico strumento di guarigione, le campane tibetane sono ottenute dalla fusione di sette metalli, ognuno dei quali è, secondo i buddisti, il simbolo di un corpo celeste. Quanto al suono che emettono, questo varia a seconda della forma, della proporzione e dello spessore dei metalli di cui sono costituite. La loro caratteristica è quella di produrre effetti sonori in armonia con le vibrazioni delle sfere celesti, trasmettendole a chi le ascolta. E' come quando, per evitare il gracchiare della radio, ci sintonizziamo sulle giuste frequenze e solo allora il nostro udito proverà l'armonia dell'ascolto. Nel caso delle campane tibetane , quando vengono percosse, dopo essere state appoggiate in vari punti del corpo, emettono profonde vibrazioni benefiche che massaggiano "sonoramente" e molto in profondità il corpo, accordandolo come fosse uno strumento musicale e tutto l'organismo ne trae un grande giovamento in termini di rilassamento, salute e benessere. Per questo motivo, se utilizzate con correttezza e appropriatezza, valgono a tutti gli effetti come terapia del suono, e rientrano nell'ambito della musicoterapia. L'ascolto dei suoni delle campane tibetane è indicato per chi soffre di problemi d'insonnia, di attacchi d'ansia e di panico, per chi ha bisogno di una ricarica psicofisica, oppure negli stati di stress, irritabilità e nervosismo. Le frequenze armoniche producono effetti benefici sul sistema nervoso centrale, consentendo di sostituire il disordine causato da un disturbo con un nuovo ordine, ma soprattutto rinforzano ed energizzano il sistema bioenergetico e stimolano la capacità di autoguarigione. Inoltre, sono un ottimo "strumento di accompagnamento" durante un massaggio, una lezione di yoga, di pilates, di postural trainer e in qualsiasi attività in cui occorra sentire il proprio corpo, come nel caso in cui si stia lavorando alla correzione della postura o al ripristino della sensibilità propriocettiva.

 

I MIGLIORI CENTRI VICINO A TE

Non è la zona che stai cercando?

CERCA