Ultrasuonoterapia per il dolore, come funziona

Data pubblicazione: 30/09/2019
Ultimo aggiornamento: 01/10/2019

Ultrasuonoterapia per il dolore, come funziona

INDICE

Introduzione - Ultrasuonoterapia per il dolore, come funziona

L' ultrasuonoterapia è una modalità di trattamento utilizzata da fisioterapisti per curare condizioni dolorose e promuovere la guarigione dei tessuti. Si usano onde sonore ad altissima frequenza, tra 800.000 Hz e 2.000.000 Hz, non udibili dall' orecchio umano, per stimolare il tessuto sotto la superficie della pelle.

Introduzione - Ultrasuonoterapia per il dolore, come funziona

L' ultrasuonoterapia è una modalità di trattamento utilizzata da fisioterapisti per curare condizioni dolorose e promuovere la guarigione dei tessuti. Si usano onde sonore ad altissima frequenza, tra 800.000 Hz e 2.000.000 Hz, non udibili dall' orecchio umano, per stimolare il tessuto sotto la superficie della pelle.

A cosa serve

Sebbene la terapia ad ultrasuoni non sia efficace per tutte le condizioni di dolore cronico , può aiutare a ridurre il dolore in una delle seguenti condizioni:

  • Osteoartrite
  • Dolore miofasciale
  • Borsite
  • Epicondiliti
  • Dolori cronici
  • Sindrome del tunnel carpale
  • Dolore causato dal tessuto cicatriziale
  • Dolore alle articolazioni
  • Distorsioni
  • Stiramenti
  • Fratture ossee

Come funzionano gli ultrasuoni per guarire

Gli ultrasuoni in medicina a scopi terapeutici vengono utilizzati da molti anni. Gli ultrasuoni a bassa potenza con frequenza di circa 1 MHz sono stati ampiamente applicati dagli anni '50 per la terapia fisica in tendiniti o borsiti.

ultrasuoni come funzionano

Nell'ultimo decennio il suo uso è cambiato. In precedenza gli ultrasuoni in fisioterapia erano principalmente utilizzati per il loro "effetto termico", ma ora sono sempre più utilizzati per effetti non termici, in particolare nella stimolazione biologica dei tessuti molli, nella guarigione delle ferite e nella guarigione delle fratture ossee. Oltre a questi effetti biofisici non si devono dimenticare gli effetti fisiologici secondari, tra cui il primo effetto analgesico, seguito da uno spasmolitico, antinfiammatorio, simpaticolitico, regolazione dei tessuti ed effetti trofici, miglioramento della microcircolazione, aumento della permeabilità della membrana cellulare, aumentando la biosintesi delle proteine, la regolazione del tono muscolare e migliorando il metabolismo cellulare.

ultrasuonoterapia effetti

Il più grande effetto analgesico, è attribuito all'effetto termico degli ultrasuoni perché porta ad una maggiore attività metabolica nei tessuti, migliorando la circolazione e il rilassamento della struttura rigida dei tessuti molli, specialmente nel sistema muscolo-scheletrico degenerativo. Negli anni '80, sono state utilizzate onde d'urto ( ad alta ampiezza di pressione per la risoluzione meccanica dei calcoli renali e la "litotripsi", frantumazione dei calcoli con le onde sonore, ha rapidamente sostituito la chirurgia come la scelta di trattamento più frequente. L'uso dell'energia ad ultrasuoni per la terapia, da non confondere con le onde d’urto che utilizzano sempre energia sonora ma con energie e modalità di erogazione differenti, continua ad espandersi e le applicazioni approvate ora includono l'ablazione dei fibromi uterini, la rimozione della cataratta (facoemulsificazione), il taglio chirurgico del tessuto e l'emostasi, la veicolazione di farmaci per via transdermica e la guarigione delle fratture ossee.

Ultrasuonoterapia e tumore

Uno sforzo sostanziale durante gli anni '80 e '90 ha cercato di sviluppare mezzi per riscaldare ad ultrasuoni volumi relativamente grandi di tessuto ai fini della terapia anti tumorale.

Questo metodo di ipertermia comporta il riscaldamento uniforme di un tumore a circa 42 ° C per periodi di circa 1 ora, che sembra essere efficace nel ridurre la crescita tumorale . Gli applicatori multi-elemento sono stati utilizzati a 1-3,4 MHz . Negli studi clinici, l'ipertermia è stata utilizzata con o senza radioterapia ed è stata riportata una modesta efficacia. La ricerca suggerisce che l'ipertermia può essere vantaggiosa per il trattamento della somministrazione di farmaci mediante nanoparticelle.

Tuttavia, il metodo dell'ipertermia a temperatura moderata non è progredito in un uso clinico diffuso e lo sforzo nel trattamento del cancro dell'ipertermia si è spostato sull'uso di ultrasuoni focalizzati ad alta intensità. L’ ipertermia è ad oggi molto più utilizzata in fisioterapia.

Come viene eseguita la terapia ad ultrasuoni?

Il terapista selezionerà la superficie su cui lavorare, quella dolorosa o legata alla patologia, per un periodo che va da 5 a 10 minuti. Viene applicato un gel sulla parte superiore della sonda ultrasonica, ciò ha il compito di aiutare le onde sonore a penetrare uniformemente nella pelle.

ultrasuonoterapia come viene eseguita

Durante il trattamento con gli ultrasuoni, il terapista sposterà continuamente la testa della sonda sopra e intorno all'area selezionata, un po' come accade nell' ecografia. Il massimo assorbimento di energia nei tessuti molli si verifica da 2 a 5 cm di distanza. L'intensità diminuisce quando le onde penetrano più in profondità. Sono assorbiti principalmente dal tessuto connettivo : legamenti , tendini e fascia (e anche dal tessuto cicatriziale).

Sentirò qualcosa durante la terapia ad ultrasuoni?

Alcune persone avvertono un lieve battito durante la terapia ad ultrasuoni, mentre altre possono percepire un leggero calore nella pelle. Se l'area da trattare è particolarmente sensibile al tatto, è possibile che si verifichi fastidio al passaggio della sonda. La terapia ad ultrasuoni, tuttavia, non dovrebbe essere dolorosa.

Ultrasuonoterapia ad immersione

Se il paziente presenta una condizione dolorosa molto forte che non permette nemmeno l'utilizzo della sonda da appoggiare nell' area da trattare si usa l' ultrasuonoterapia ad immersione.

Con questa tecnica, la parte del corpo da trattare viene immersa in un vassoio riempito con acqua calda, circa 37- 38 gradi. La sonda ad ultrasuoni non tocca direttamente il corpo in questa tecnica; piuttosto si tiene a distanza di circa 1 cm e gli ultrasuoni fanno un "piccolo viaggio" nell' acqua. L Le parti del corpo che vengono spesso trattate con ultrasuoni ad immersione in acqua sono le mani e i piedi

Durante il trattamento il paziente potrebbe avvertire un lieve calore. La durata del trattamento ad immersione dura un pochino di piú rispetto alla terapia con contatto, circa 15-20 minuti contro i 10.

ultrasuonoterapia quanto dura il trattamento

A casa

Ci sono molti apparecchi che vengono venuti per essere utilizzati in "casa". Il loro prezzo varia da 150 a 500 euro, a seconda della marca e della potenza massima per cm che erogano. Ma si consiglia di sempre di recarsi in un centro di fisioterapia per usufruire di un trattamento più professionale e un inquadramento clinico.

Possono essere utili per meglio veicolare un farmaco antalgico per migliorare le condizioni dolorose localizzate come spalle, ginocchio, gomito, polso. Oltre alla tipologia di apparecchi che è diversa da quella che si usa in un centro di fisioterapia c'è da mettere in conto anche l'esperienza e la professionalità di un fisioterapista che fa la differenza nel trattamento di uno stato doloroso o patologico.

Un elemento chiave delle applicazioni terapeutiche con energia ad ultrasuoni è la capacità di focalizzare l'energia a qualche millimetro o centimetro dal piano del trasduttore. È quindi molto importante determinare con precisione la posizione della zona di trattamento con i sistemi a ultrasuoni. Inoltre, i cambiamenti di tessuto nella zona di trattamento devono essere monitorati in modo affidabile, al fine di confermare che è stato raggiunto un trattamento adeguato. Il fascio di ultrasuoni focalizzato può quindi essere spostato in una posizione diversa per completare il trattamento del volume pianificato.

Qualcuno usa questi apparecchi anche per contrastare inestetismi estetici , ultrasuonoterapia per cellulite e inestetismi del corso, con risultati diversi a secondo della preparazione del fisioterapista. La branca della fisioterapia che si occupa di inestetismi cutanei e del derma è la Fisioterapia Dermatofunzionale.

Controindicazioni

La terapia ad ultrasuoni è considerata sicura e non presenta particolari contrindicazioni, a condizione che sia eseguita da una persona autorizzata e che il terapista mantenga la testa del trasduttore sempre in movimento oppure utilizzi una modalità pulsata e con intensità ridotta se vuole utilizzare la modalità fissa. Se la testa del trasduttore rimane in un punto troppo a lungo, è possibile che possa danneggiare i tessuti sottostanti.

ultrasuonoterapia controindicazioni

La terapia ad ultrasuoni oltre nei casi di malattie oncologiche, pacemaker e stato di gravidanza non deve essere utilizzata su queste parti del corpo:

  • Sopra l'addome, le regioni pelviche o la parte bassa della schiena nelle donne che hanno le mestruazioni o patologie delle ovaie o dell’utero.
  • Sopra lesioni, pelle lacerata
  • Sul bulbo oculare, al seno o agli organi sessuali
  • Su tutte le aree con impianti con protesi
  • Su aree con flusso sanguigno alterato

È inoltre controindicato applicare l’ultrasuonoterapia direttamente sulle regioni epifisarie attive (nuclei di accrescimento) nei bambini o sul midollo spinale nell'area di una laminectomia. Come tutte le apparecchiature mediche, se utilizzato da professionisti altamente qualificati come il fisioterapista, è molto improbabile che l'ecografia terapeutica causi effetti avversi.

Prezzi

un trattamento di ultrasuonoterapia ha un prezzo medio compreso tra 20 e 40 euro, ma dato che ci sarà bisogno di almeno 5-10 sedute per migliorare una condizione di dolore o patologica, vengono venduti percorsi di trattamento di fisioterapia anche a prezzi piú bassi.. L’ultrasuonoterapia non è quasi mai utilizzata come unica terapia nei problemi ortopedici. L’ultrasuono è comunque associato ad altre terapie fisiche come ad esempio la Tecarterapia o alla terapia manuale.

Autori

Luca Luciani

Dott.re in Fisioterapia

Fisioterapista, Imprenditore nel settore sanitario e Business Coach.

Dopo la laurea in fisioterapia, ha approfondito le sue conoscenze studiando osteopatia e terapia manuale. Si è specializzato frequentando i corsi di:

  • Maitland,
  • Cyriax,
  • Mulligan,
  • McKenzie,
  • Neurodynamic Solutions.

Ha frequentato aule con docenti internazionali come:

  • Jill Cook,
  • Michael Shacklock,
  • Gwen Jull,
  • Paul Hodges della University of Queensland
  • Shirley Sahrmann della Washington University di S. Louis.

I MIGLIORI CENTRI VICINO A TE

Non è la zona che stai cercando?

CERCA
ARTICOLI CORRELATI
TUTTI GLI ARTICOLI