Cerotti Antidolorifici Come funzionano e come riducono il Dolore

Data pubblicazione: 04/11/2019
Ultimo aggiornamento: 15/11/2019

Cerotti Antidolorifici Come funzionano e come riducono il Dolore

INDICE
Vuoi navigare al meglio dal tuo smartphone? Vai alla pagina ottimizzata AMP (Accelerated Mobile Pages)

Introduzione - Cerotti Antidolorifici Come funzionano e come riducono il Dolore

I cerotti antidolorifici vengono utilizzati per curare stati di dolore di ossa e muscoli (in fisioterapia sistema neuro-muscolo scheletrico). Trasmettono il principio attivo del farmaco attraverso la pelle anziché quello che accade con medicinali ingeriti per bocca o con altri mezzi. I cerotti antidolorifici possono essere coadiuvanti di un piano di trattamento riabilitativo ma non possono mai sostituirsi alla Fisioterapia e al Fisioterapista.

Troppo spesso i pazienti si auto somministrano questi medicamenti senza nessun razionale clinico. Il consiglio è sempre quello di chiedere al medico o al fisioterapista se nel tuo caso è utile integrare i cerotti antidolorifici, antinfiammatori o termici al programma di riabilitazione.

I cerotti antidolorifici o similari non rappresentano mai la cura ad un disturbo del sistema neuro-muscolo scheletrico. L'uso del cerotto per il dolore riduce alcuni degli effetti collaterali, ad esempio l’infiammazione allo stomaco, agisce inoltre su un punto dolente specifico del corpo, è normalmente ben tollerato dai paziente e ad esso è associata una buona risposta placebo.

Introduzione - Cerotti Antidolorifici Come funzionano e come riducono il Dolore

I cerotti antidolorifici vengono utilizzati per curare stati di dolore di ossa e muscoli (in fisioterapia sistema neuro-muscolo scheletrico). Trasmettono il principio attivo del farmaco attraverso la pelle anziché quello che accade con medicinali ingeriti per bocca o con altri mezzi. I cerotti antidolorifici possono essere coadiuvanti di un piano di trattamento riabilitativo ma non possono mai sostituirsi alla Fisioterapia e al Fisioterapista.

Troppo spesso i pazienti si auto somministrano questi medicamenti senza nessun razionale clinico. Il consiglio è sempre quello di chiedere al medico o al fisioterapista se nel tuo caso è utile integrare i cerotti antidolorifici, antinfiammatori o termici al programma di riabilitazione.

I cerotti antidolorifici o similari non rappresentano mai la cura ad un disturbo del sistema neuro-muscolo scheletrico. L'uso del cerotto per il dolore riduce alcuni degli effetti collaterali, ad esempio l’infiammazione allo stomaco, agisce inoltre su un punto dolente specifico del corpo, è normalmente ben tollerato dai paziente e ad esso è associata una buona risposta placebo.

Come sono fatti i cerotti antidolorifici

Un cerotto antidolorifico è composto da diversi strati: un adesivo che lo trattiene sulla pelle, una zona intermedia che contiene il principio attivo e ne controlla il rilascio, uno strato protettivo esterno, spesso impermeabile. L'intero dispositivo è progettato per ridurre al minimo il rischio di intolleranza e irritazione della pelle. 

Le peculiarità della zona intermedia consentono di distinguere diversi tipi di patch. I cerotti che hanno un "serbatoio" comprendono una tasca in cui il principio attivo è in soluzione (liquido) o in sospensione (gel), regolarmente rilasciato grazie ad una membrana semipermeabile. Consentono ai produttori di ottenere facilmente dosaggi diversi ma non devono essere tagliati per ridurre le dimensioni del cerotto.

Nei cerotti a matrice , quelli più comuni, il principio attivo viene disciolto o disperso in un polimero che può anche fungere da adesivo. I modelli più semplici consentono al farmaco di passare passivamente attraverso la pelle. I modelli più complessi includono una membrana semipermeabile che ne controlla il rilascio e / o un sistema multistrato che raggiunge una concentrazione plasmatica efficace più rapidamente.

cerotti per dolore dove sono usati

Dove possono essere usati

L’uso di questi presidi è sicuramente spesso improprio. Più precisamente si applicano anche in corrispondenza di zone molto profonde dove il principio attivo non arriverà mai. Un esempio di utilizzo non corretto è quello di utilizzare cerotti antidolorifici per un mal di schiena causato da un ernia del disco. Le strutture nervose compresse dall’ernia sono troppo profonde per essere raggiunte dal farmaco, sempre che poi la molecola dello stesso sia indicata per questo tipo di patologia. Purtroppo nonostante tutto questo sia semplice ed intuitivo i cerotti vengono applicati su qualsiasi parte del corpo, anche piccola:

cerotti per dolore a cosa servono

I cerotti possono essere usati come coadiuvanti della fisioterapia per:

  • Dolori muscolari.
  • Spasmi Muscolari, che sono caratterizzati da contrazioni dolorose e temporanee di un muscolo.
  • Torcicollo , che è collegato a contrazioni muscolari involontarie e dolorose nel collo, causate da altri disturbi osteo-articolari.
  • Lombalgia (mal di schiena) che si riferisce al dolore nella parte bassa della schiena, vale a dire, dolore nella parte inferiore della colonna vertebrale.
  • Tendiniti e borsiti, che corrispondono a infiammazioni che interessano i tendini.
  • Distorsioni, che sono definite da uno stiramento dei legamenti, tessuti che collegano le ossa alle articolazioni, come la distorsione della caviglia.
  • Artrosi , che è legata all'usura della cartilagine che copre le estremità delle ossa alle articolazioni.
  • Dolori articolari , che possono verificarsi in diverse articolazioni come quelle di ginocchio, gomito o spalla;

Principi attivi dei cerotti

Di seguito i principi attivi piu' utilizzati nei cerotti antidolorifici.

  • Lidocaina: La lidocaina è un anestetico locale che agisce bloccando i canali del sodio in tensione all'interno della membrana cellulare neuronale. La durata del trattamento per i cerotti alla lidocaina OTC è fino a 7 giorni. Questo tipo di cerotti utilizzati per la terapia del dolore devono essere applicati solo su prescrizione medica.  Le patch possono essere utilizzate ogni 6-8 ore secondo necessità, per non superare le tre applicazioni entro 24 ore.
  • Ibuprofene: fa parte della classe dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) che viene utilizzato per il trattamento del dolore , della febbre e dell'infiammazione .
  • Ketoprofene: altro farmaco FANS con azione analgesica, antipiretica , usato anche nel trattamento di artriti reumatoidi e osteoartriti.
  • Salicilato di metile : Ha un'azione sia vasodilatatoria che termogenica che aumenta rispettivamente il flusso sanguigno locale e la temperatura della pelle. I cerotti con salicilato di metile possono essere efficaci per il dolore acuto ma hanno un'efficacia scarsa per il dolore muscoloscheletrico e artritico.
  • Diclofenac: Fans prescritto per il dolore correlato a infiammazione articolare, artrosi o sciatica . Ha proprietà analgesiche, antipiretiche, antinfiammatorie.
  • Piroxicam : Fans , è stato approvato come medicinale per il trattamento dell'artrite reumatoide e dell'osteoartrosi.

cerotti per dolore principi attivi

Cerotti riscaldanti cosa sono

Il calore è stato usato per molto tempo per alleviare i dolori muscolari, articolari, addominali e mestruali. Dilata i vasi e ciò migliora la circolazione sanguigna, favorisce l'ossigenazione dei tessuti e facilita l'eliminazione delle tossine. In piú ha un effetto analgesico dato dallo stimolo mio rilassante che il calore ha sulla muscolatura. Questi cerotti contengono spesso componenti (ferro, carbone, acqua) che producono calore a contatto con l'aria; oppure, capsaicina.

Il loro effetto si inizia a far sentire dopo pochi minuti e dura per qualche ora. La loro applicazione può essere effettuata più volte al giorno. I cerotti riscaldanti sono usati principalmente per trattare il mal di schiena, dolori lombari, al collo, alle spalle. Il prodotto classico ha la forma di un rettangolo di circa 10 x 15 cm che si attacca alla pelle sull'area da alleviare. Alcune aziende farmaceutiche offrono formati più grandi, 22 x 10 cm, che coprono un'area più ampia. Questo tipo di cerotti sono probabilmente i più consigliati dai fisioterapisti perché non contengono farmaci.

cerotto per dolore come penetra nella pelle

Il fisioterapista utilizza nella sua pratica clinica diverse forme di energia che producono calore:

Tecarterapia

Laserterapia,

Ipertermia.

In cerotto che produce calore non può sostituirsi ovviamente a questi trattamenti (energia erogata dagli elettromedicali è superiore, profonda e controllata) ma può essere associato alla Fisioterapia quando ad esempio il paziente non riesce per motivi famigliari o di lavoro ad eseguire i trattamenti con continuità. Non sono raccomandati per le persone che soffrono di insufficienza venosa, malattie cardiache o diabete e in tutti i casi in cui ci può essere un’alterazione della percezione del calore.

Come fa il farmaco del cerotto a penetrare la pelle

La pelle forma una barriera protettiva contro l'esterno ma non è impenetrabile. A seconda dello spessore della cute, della sua affinità relativa per lipidi e acqua, della cariche ioniche possono passare alcune molecole. Attraversano lo strato corneo composto da cellule morte, diffuse attraverso l'epidermide i farmaci vengono riassorbiti nei capillari, attraverso vasi molto piccoli che li portano dentro la circolazione generale sanguigna. Alcune volte il farmaco è accompagnato da altre sostanze che fungono da vettori e aumentano la permeabilità della pelle.

Isolando la pelle dall'ambiente esterno, il cerotto stesso svolge anche un altro ruolo: aumenta la sua idratazione, la sua temperatura e la circolazione capillare, quindi le sue capacità di assorbimento. Sfortunatamente questo non sempre accade quindi ci possono essere farmaci che non riescono a superare la barriera cutanea. Per aiutarli, possono essere utilizzate altre strategie. 

Tra questi, la storica ionoforesi che utilizza una corrente elettrica continua per aumentare le molecole cariche, l'elettroporazione che facilita il loro passaggio all'interno delle cellule oppure ultrasuoni o campi magnetici e micro-aghi che creano pori nello strato corneo. Esistono diversi modi o presunti tali per veicolare farmaci attraverso la cute, nessuno di essi comunque ha ricerca sufficiente per convincere in modo deciso in mercato degli utilizzatori professionali.

Vantaggi del cerotto per il dolore

La via transdermica di trasmissione del principio attivo di un farmaco ha molteplici vantaggi. Il cerotto, in particolare, consente alle sostanze attive in grado di superare la barriera cutanea, di diffondersi attraverso la pelle per unirsi ai vasi sanguigni. Si chiama via transdermica, spesso definita somministrazione transcutanea. Uno dei suoi vantaggi è quello di bypassare il sistema digestivo e il primo passaggio epatico. Quando un farmaco viene ingerito, infatti, viene parzialmente distrutto dall'acidità dello stomaco e quindi assorbito più o meno nell'intestino.

Passa quindi attraverso i processi epatici dove si verificano molte trasformazioni. In definitiva, la quantità di principio attivo disponibile non è mai esattamente la stessa, variando tra due persone o nello stesso individuo. I farmaci in generale possono avere danni sulla salute. Meglio mai abusarne o prenderli senza il parere del vostro medico. Non vanno demonizzati ma è giusto sapere che, alcuni farmaci producono anche effetti dannosi sul sistema digestivo. Pertanto, i farmaci non steroidei anti-infiammatori ( FANS ) come l'aspirina o ibuprofene , i farmaci antiaggreganti piastrinici e farmaci contro l'osteoporosi favoriscono ulcere. Gli antibiotici portano squilibri alla flora intestinale e il paracetamolo è tossico per il fegato.

A volte è la situazione speciale del paziente che proibisce la via orale, ad esempio se ha problemi di deglutizione o disturbi digestivi (vomito, diarrea ...). La via transdermica per la somministrazione di farmaci non è usata solo in ortopedia e reumatologia ma anche in altre patologie. Per diverse patologie consente l'assunzione regolare di principio attivo mentre la sua concentrazione plasmatica segue una curva a campana se ingerita. Infine, passare attraverso la pelle offre gli stessi benefici dell'infusione con molto più comfort. E se il farmaco è scarsamente tollerato, si può togliere il ​​cerotto per interrompere la somministrazione.

Cerotto per l'artrosi

L'Artrosi è una malattia degenerativa articolare che si sviluppa a causa del passare del tempo, motivo per cui di solito si verifica negli anziani. Come nelle patologie della colonna vertebrale, l’artrosi delle grandi articolazioni con può essere trattata con l’utilizzo dei cerotti. Le strutture, come ad esempio nell’ artrosi d’anca sono spesso troppo profonde per ricevere una quantità di farmaco sufficiente per la riduzione dei sintomi, sempre che questo abbia un senso terapeutico.

Nel corso degli anni, sono stati tentati vari trattamenti, di azione locale o sistemica, per ottenere un approccio soddisfacente a questa condizione che affligge di solito le ginocchia, le articolazioni e le ossa dell'anca e i cui sintomi principali sono dolore e difficoltà di movimento. In questo contesto  i cerotti antinfiammatori e analgesici a base di diclofenac, dal rilascio progressivo, raggiungono in modo limitato il sito doloroso. Tra i principali vantaggi dei cerotti però, c'è la possibilità di ridurre la dose giornaliera del principio attivo, evitando anche il disagio gastrico di farmaci presi oralmente.

Il cerotto deve essere posizionato in una zona libera da peli e rimosso ogni 24 o 48 ore. La diversa via di somministrazione di questo medicinale apre la possibilità di uno schema di somministrazione che offre una maggiore tranquillità per quanto riguarda l'intolleranza gastrica prodotta dai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Diclofenac è, nella sua categoria, uno dei farmaci più anti-infiammatori efficace . La via transdermica è riservata ai casi con dolore da lieve a moderato.

Cerotto per la Tendinite

Di solito, nei disturbi osteo-articolari come nella tendinite (infiammazione o irritazione di un tendine dovuta a lesioni, movimenti ripetitivi o sovraccarichi) in problema deve essere trattato con un programma specifico di allenamento terapeutico, terapia manuale e terapia fisica. L’utilizzo antidolorifici nella tendinite non è quasi mai indicato. Nei casi più gravi, potrebbero essere necessarie iniezioni di corticosteroidi, esercizi di riabilitazione o persino un intervento chirurgico.

La scienza negli ultimi anni ci sta portando sempre di più verso piani di trattamento che prediligono il movimento con carico mirato e alcune terapie fisiche come il laser e le onde d’urto. I cerotti antidolorifici sono utili per trattare il dolore in fase acuta solo quando è strettamente necessario . L'utilizzo dei patch presenta vantaggi rispetto agli analgesici orali convenzionali . Il dispositivo transdermico, che contiene il ketoprofene antinfiammatorio non steroideo, viene inserito solo una volta al giorno, il che facilita la compliance da parte del paziente e, se somministrato direttamente sulla zona interessata, previene i problemi gastrici degli analgesici orali.

Precauzioni nell' uso

  • I dispositivi transdermici che contengono medicinali sono accompagnati sempre dal foglio illustrativo che è importante leggere. Se alcuni cerotti possono essere tagliati, coperti con una benda, tenuti sotto la doccia altri no. Le aree di applicazione del cerotto possono anche variare.
  • I cerotti devono essere applicati sulla pelle pulita, asciutta e senza peli, in luoghi in cui i movimenti non creano rughe, mai sulle mucose o sulla pelle ferita, che potrebbero aumentare la diffusione del prodotto. I peli possono essere tagliati, non rasati per evitare irritazioni.
  • Le allergie e le intolleranze cutanee sono sempre possibili. In caso di reazione anomala (prurito, arrossamento o lesioni), si consiglia di consultare un farmacista o un medico che potrebbe indicare un altro tipo di cerotto contro il dolore da provare.
  • Per ridurre il rischio di irritazione, è meglio variare le aree di applicazione e aspettare una settimana prima di usarlo nello stesso posto.
  • Il calore aumenta la diffusione delle sostanze attive. Pertanto, evitare di mettere l'area del corpo in cui il cerotto è in contatto con una fonte di calore (radiatore, bottigli). La febbre ha lo stesso effetto e può esporre a un sovradosaggio.
  • Non è consigliabile scrivere sul cerotto. Se vogliamo memorizzare la data e l'orario di applicazione è meglio usare altri metodi. Negli istituti (anziani o disabili), questo monitoraggio consente anche di verificare che la patch precedente sia stata rimossa.
  • Alcuni cerotti devono essere rimossi prima degli esami di risonanza magnetica perché includono una lamina di metallo che può causare problemi.
  • Le donne in gravidanza o che allattano al seno, in via precauzionale, non devono utilizzare questi cerotti.
  • Coloro che soffrono di ulcere cutanee non devono usarli.

L’utilizzo di questi presidi medici non deve sfociare in una cura “fai da te” che in alcuni casi può ritardare l’inquadramento clinico e l’inizio di piani di trattamento specifici per la patologia del paziente.

I MIGLIORI CENTRI VICINO A TE

Non è la zona che stai cercando?

CERCA
ARTICOLI CORRELATI
TUTTI GLI ARTICOLI