Cristiano Ronaldo e la Fisioterapia

Data pubblicazione: 27/07/2018
Ultimo aggiornamento: 31/07/2019

Cristiano Ronaldo e la Fisioterapia

INDICE

Introduzione - Cristiano Ronaldo e la Fisioterapia

Cristiano Ronaldo è un campione di perfezione.
CR7, 5 volte pallone d’oro, si allena, mangia e cura la sua salute attraverso uno staff di specialisti alla continua ricerca delle innovazioni tecnologiche e mediche nel campo dell’allenamento, prevenzione e aumento delle performance sportive.

Per questo arriverà a Torino la AlterG, ovvero, Il tapis roulant antigravitazionale della NASA che permette di allenarsi in stati variabili di assenza di gravità.

Introduzione - Cristiano Ronaldo e la Fisioterapia

Cristiano Ronaldo è un campione di perfezione.
CR7, 5 volte pallone d’oro, si allena, mangia e cura la sua salute attraverso uno staff di specialisti alla continua ricerca delle innovazioni tecnologiche e mediche nel campo dell’allenamento, prevenzione e aumento delle performance sportive.

Per questo arriverà a Torino la AlterG, ovvero, Il tapis roulant antigravitazionale della NASA che permette di allenarsi in stati variabili di assenza di gravità.

Cosa è la AlterG®?

Ce ne parla il Dott.Gugolati che ha installato un AlterG nel suo centro fisioterapico di Foligno.

La proibizione del carico del peso corporeo per periodi più o meno lunghi è frequente nelle settimane successive ad un trauma degli arti inferiori od una procedura chirurgica di ricostruzione legamentosa o sostituzione protesica all’anca o alle gambe.
Le tecniche e le tecnologie aiutano i professionisti, ed i pazienti, ad affrontare la più comune evenienza di questa proibizione: la riduzione del tono trofismo muscolare, cercando di limitare il circolo vizioso che rallenta il naturale percorso di recupero: presto e bene non è più una frase da pubblicità accattivante, ma rispecchia tutte le attuali evidenze scientifiche.
Tardare a rendere operativo il sistema muscolo-scheletrico rende tutto più complicato, lungo, doloroso e, perché no, costoso.

Tecnologie in grado di ridurre il carico e consentire un’attività sono da tempo a disposizione dei professionisti e la stessa diffusione di vasche riabilitative, risponde alla stessa esigenza, ma è solo da una decina di anni che una tecnologia NASA, nata appunto per addestrare il personale delle stazioni orbitali ad un esercizio fisico intenso in situazione di assenza di gravità, ha iniziato a diffondersi in USA e da pochissimo anche in Italia.


Il Treadmill Antigravitazionale AlterG®

cristiano ronaldo fisioterapia alter-gGrazie alla variazione di pressione all'interno dell'involucro d'aria che avvolge il paziente, consente di applicare in maniera uniforme e confortevole una forza di sollevamento fino all'80% del peso: rispettando i pattern motori, si può progettare una attività di cammino e di corsa in condizioni di carico minimo, progressivo e controllato dal microprocessore.

Il Fisioterapista ha così a disposizione uno strumento per:

  • Facilitare il recupero funzionale delle articolazioni di pazienti sottoposti a chirurgia ricostruttiva negli arti inferiori
  • Recuperare fratture da stress su strutture ossee soggette a sovraccarico funzionale
  • Recuperare progressivamente il tono muscolare di atleti soggetti a lesione ai gemelli o al soleo in tempi molto più rapidi e con riduzione del rischio di recidiva
  • Ripristinare o mantenere la normale deambulazione di pazienti anziani
  • Perdere peso progressivamente senza danneggiare le articolazioni

Caso clinico riabilitato con AlterG®

Donna, 26 anni, ciclista BMX: lesione del menisco mediale e del Legamento Crociato Anteriore durante l’attività.

Questo tipo di sport è particolarmente dinamico e comprende periodi di sforzo esplosivo, salti e pieghe e la lesione è avvenuta proprio in seguito ad una caduta dopo un salto.

La Diagnostica per immagini ha confermato la diagnosi. All'atleta è stato raccomandato un percorso non chirurgico in accordo con le Linee guida internazionali.

Obiettivi:

  1. Incorporare la riduzione del carico nel protocollo riabilitativo
  2. Prevedere un aumento progressivo ritorno delle attività
  3. Mantenere il fitness e la funzione durante la Riabilitazione
  4. Ritornare all’attività

Storia / Progressione:

I. Piano:

  1. Diagnosi di lesione del LCA sinistro e del corno meniscale posteriore
  2. Scelta di trattamento non chirurgico e tutorizzazione
  3. Attività in carico parziale, affiancando ai trattamenti tradizionali l’ AlterG Anti-Gravity Treadmill®
  4. 6 settimane di sedute quotidiane, AlterG Anti-Gravity Treadmill® incorporato nella settimana 1, con progressivo aumento del carico tollerato
  5. Ritorno all’attività in 3 mesi

II. Considerazioni

  1. Considerare il dolore e la tumefazione come guida per la percentuale di scarico e la velocità: nella Fase 1 il dolore non deve superare 4 su una scala 1-10 e nelle Fasi 2-4 non superare 3.
  2. Gait training parte del protocollo di trattamento
  3. Feedback dell’atleta prima di ogni seduta
  4. Monitorare il dolore pre e post seduta

Risultati: L’atleta ha ripreso una modica attività sportiva dopo 2 settimane ed incluso l’AlterG Anti-Gravity Treadmill® nel suo lavoro riabilitativo per mantenere il trofismo muscolare, rieducare il passo e progressivamente aumentare lo stress sugli arti inferiori e, tornata all’attività agonistica, come parte integrante dell’allenamento.


Questo contenuto è prodotto dal/dai seguenti centri affiliati Fisioterapia Italia:

I MIGLIORI CENTRI VICINO A TE

Non è la zona che stai cercando?

CERCA
ARTICOLI CORRELATI
TUTTI GLI ARTICOLI